Tutte le pubblicazioni di comunicatifirenze . Firenze , Italia

Publications
https://avalanches.com/it/florence_diritti_umani_volontari_fiorentini_al_parco_san_donato_per_informare6351690_01_02_2023

Diritti Umani: volontari fiorentini al Parco San Donato per informare sugli abusi in psichiatria

Sotto il tendone dell’Associazione Piazza San Donato, nei pressi della Pista di Pattinaggio, i volontari hanno distribuito materiale informativo sugli abusi psichiatrici.

Domenica 29 gennaio pomeriggio, nei pressi della pista di pattinaggio del Parco San Donato, i Volontari del CCDU, Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani, hanno distribuito materiale informativo sugli effetti collaterali di alcune cure psichiatriche.

“Nel Giorno della Memoria, vogliamo ricordare come la Shoah sia stata anticipata da pseudoscienziati psichiatrici che praticavano ogni sorta di violenze e abusi nei confronti delle persone la cui vita “non era degna di essere vissuta”.

Il presupposto fondamentale di ogni cura medica è infatti il consenso informato: il paziente ha il diritto di ricevere informazioni dettagliate sulle cure che gli vengono proposte, e deve fornire un esplicito consenso. L’elettroshock, che molti credono appartenere al passato, viene tuttora praticato in Italia, regolamentato dalla cosiddetta “Circolare Bindi - una circolare ministeriale del 1999 a firma di Rosy Bindi - che ne limita fortemente il campo di applicazione, mette in guardia contro una serie di effetti contrari, e richiede in maniera esplicita (evidentemente il ministro Bindi riteneva opportuno ribadirlo) la necessità di consenso informato.

L’elettroshock (oggi eufemisticamente ribattezzato Terapia Elettroconvulsivante) consiste nello scaricare nel cervello del paziente una notevole quantità di energia elettrica, ma non è l’unica pratica psichiatrica controversa. Gli effetti collaterali di molti farmaci psichiatrici, le cui vendite sono spinte dalla lobby farmaceutica multimiliardaria, sono ben documentati nella letteratura scientifica, ed è ancora in uso nel Belpaese la pratica della contenzione (non più di sei mesi fa una giovane è addirittura morta carbonizzata mentre si trovava con polsi e caviglie legate a un letto di contenzione psichiatrica presso l’ospedale di Bergamo). Per questo il CCDU ritiene quanto mai opportuno mettere l’accento sull’aggettivo “informato”.

Il filosofo ed umanitario L. Ron Hubbard afferma: “I diritti umani devono essere resi un fatto, non un sogno idealistico”

INFORMATI, è un tuo diritto ma è soprattutto un tuo dovere verso chi dovresti proteggere

https://www.ccdu.org

Show more
0
3
https://avalanches.com/it/florence_a_firenze_giovent_per_i_diritti_umani_celebra_il_giorno_della_memori6351664_01_02_2023

A Firenze Gioventù per i Diritti Umani celebra il Giorno della Memoria

I volontari dell’associazione internazionale Gioventù per i Diritti Umani distribuiscono opuscoli sui Diritti Umani presso la pista di pattinaggio nel Parco San Donato a Firenze

Lo scorso sabato 28 gennaio 2023, in occasione delle celebrazioni per il “Giorno della Memoria”, i volontari dell’associazione Gioventù per i Diritti Umani hanno allestito un banchino informativo nel Parco San Donato a Firenze. I volontari hanno distribuito a passanti e famiglie opuscoli che illustrano i 30 articoli della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo, approvata dalle Nazioni Unite nel 1948.

Il banchino è stato allestito presso il tendone dell’Associazione Piazza San Donato, vicino alla pista di pattinaggio sul ghiaccio “Christmas Village” che attira le famiglie e i loro bambini. Sono proprio i giovani l’obbiettivo dell’associazione: Gioventù per i Diritti Umani si propone infatti di diffondere la consapevolezza dei Diritti Umani nelle nuove generazioni, perché lottino per essi e perché insistano che vengano rispettati.

Gioventù per i Diritti Umani condivide il pensiero del filosofo e umanitario L. Ron Hubbard che ha affermato: “I Diritti Umani devono essere resi una realtà, non un sogno idealistico".

Show more
0
https://avalanches.com/it/florence_un_pericolo_per_le_ragazze_in_discoteca_la_droga_dello_stupro_il_ghb5601789_21_12_2022

Un pericolo per le ragazze in discoteca: la droga dello stupro

Il GHB, altrimenti detta “droga dello stupro”, viene usata dall’aggressore per annullare la volontà della vittima, così da poterne approfittare facilmente e senza incontrare resistenza

Da sempre nelle discoteche e nei rave circolano sostanze stupefacenti. La maggior parte di queste sostanze vengono assunte consapevolmente: alcool, ecstasy, cocaina, lsd, crystal lmeth e altro ancora, sono tutte droghe che vengono assunte per “aumentare lo sballo”. Ma c’è una sostanza che a volte viene assunta inconsapevolmente, il GHB. Si tratta di una droga che alcuni ragazzi usano per creare una facile situazione di violenza sessuale.

Tale droga causa infatti intontimento, annullamento della volontà e quel che è peggio, quando termina l’effetto, la vittima avrà poca o nessuna memoria di quello che è successo. Doppio vantaggio per lo stupratore quindi: non solo sarà facilissimo per lui approfittarsi della vittima, ma sarà anche relativamente sicuro che l’eventuale denuncia non sarà né dettagliata né molto credibile.

È vitale che l’educazione precoce dei nostri ragazzi includa il soggetto della droga, perché potrebbero rimanerne vittime in tanti modi diversi. Uno di questi è, soprattutto per le ragazze, il rischio di violenza sessuale.

Il GHB è un liquido inodore che può essere versato nel drink di una ragazza mentre è distratta: l’effetto sarà di inibire la capacità della vittima di resistere ad una aggressione sessuale.

“Mondo Libero dalla Droga” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga, l’alcool e l’abuso di farmaci non costituiscano più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga o si abusi di alcool. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo.

Le attività di Mondo Libero dalla Droga consistono anche nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

Per maggiori informazioni, www.noalladroga.it

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Un Mondo libero dalla Droga” fin dalla sua fondazione: la lotta all’abuso di sostanze stupefacenti è una delle principali campagne sociali della Chiesa. Il fondatore di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.”

Giovanni Trambusti


Show more
0
1
Show more