There are no advertisements in the Verona yet
https://avalanches.com/it/verona_spostamento_temporaneo_di_bar_e_ristoranti_nelle_aree_verdi316143_23_05_2020
https://avalanches.com/it/verona_spostamento_temporaneo_di_bar_e_ristoranti_nelle_aree_verdi316143_23_05_2020

Spostamento temporaneo di bar e ristoranti nelle aree verdi.


In estate, molti cittadini la sera visitano bar e ristoranti, dove trovano refrigerio e comunicazione. Nel 2020, l'estate secondo le previsioni della pandemia promette di tenersi nelle mura chiuse delle case dei cittadini. Molti giovani già durante la seconda fase dell'emergenza hanno più volte violato le regole di quarantena, mettendo in pericolo gli anziani.

Il 22 maggio, in un bar, è stato registrato un gruppo di giovani che non si sono conformati alle regole di emergenza, hanno violato la modalità remota ed erano senza maschere.

Il sindaco di Verona firma regole più severe per i giovani che vivono la "movida"

Contrariamente alle ipotesi repressive per la gestione del tema della "movida" durante il coronavirus, il consulente di Pd Elisa La Paglia suggerisce di consentire a bar e ristoranti di sfruttare le aree all'aperto nelle aree verdi: "Ci sono 17 parchi tra Ponte Catena, Porta Fura, Bastioni".

Il consulente propone la progettazione di un bar temporaneo, un ristorante nelle aree verdi della città su aree aperte. La città ha 17 di questi parchi dove è possibile aprire tali posti.

In breve, l'obiettivo principale della proposta di creare bar temporanei nelle aree verdi della città, come i bastioni, sarebbe principalmente quello di aumentare lo spazio disponibile per i singoli eventi, afferma il consulente La Paglia, "per creare luoghi in cui le persone possono incontrarsi e gli eventi si sviluppano in modo sicuro. Può essere un concerto dal vivo o una celebrazione del matrimonio.

Show more
0
16
https://avalanches.com/it/verona_piazza_delle_erbe316106_23_05_2020
https://avalanches.com/it/verona_piazza_delle_erbe316106_23_05_2020
https://avalanches.com/it/verona_piazza_delle_erbe316106_23_05_2020
https://avalanches.com/it/verona_piazza_delle_erbe316106_23_05_2020

Piazza delle Erbe.


Una delle famose piazze di Verona. La piazza della città, situata sul luogo dell'antica. La piazza è di forma rettangolare ed è incorniciata da edifici di epoche diverse;

Domus Mercatoru, un edificio in stile gotico che nel Medioevo era la residenza di corporazioni professionali. Nel 1301 Alberto della Scala ordinò l'aggiunta di una loggia sulle arcate dell'edificio e durante il restauro ottocentesco dell'edificio apparvero sul tetto i denti ghibellini.

Il Palazzo Maffei è un edificio barocco costruito sul posto di un palazzo del XIII secolo. La balaustra è decorata con statue di antiche divinità: Giove, Apollo, Venere, Minerva, Mercurio ed Ercole. Davanti al palazzo c'è una colonna di marmo sormontata da un leone alato, simbolo di Venezia, sotto il cui dominio la città aveva 400 anni.

La Torre del Gardello è adiacente a Palazzo Maffei. Fu costruito nel 1370 per ordine di Cancinhorio della Scala. Nel 1626, sopra di essa fu costruita una soffitta con denti ghibellini.

Casa Mazzanti - facciata dell'edificio nel XVI secolo è stata dipinta con affreschi di soggetto mitologico.

La Torre Lamberti è alta 83 metri. Costruita nel 1172 dalla famiglia Lamberti di Verona, da cui prende il nome. È conosciuta anche come "Torre con le campane" grazie alle campane di Regno e Marangona installate su di essa nel 1464.

Al centro della piazza si trova la fontana della Madonna di Verona. Fu eretto nel 1368 in direzione di Cancinhorio della Scala. Per rappresentare la Vergine Maria fu utilizzata una statua romana del 380.

Sulla piazza c'è un'edicola chiamata "Berlin" (XIII secolo), che è stata utilizzata per la solenne inaugurazione del podio.

Show more
0
22
https://avalanches.com/it/verona_la_tomba_di_giulietta314157_22_05_2020
https://avalanches.com/it/verona_la_tomba_di_giulietta314157_22_05_2020
https://avalanches.com/it/verona_la_tomba_di_giulietta314157_22_05_2020

La tomba di Giulietta.


La tomba di Giulietta è un sarcofago del XIII-XIV secolo in marmo rosso nella cripta dell'abolito monastero dei Cappuccini di Verona. Si tratta di una popolare attrazione turistica che viene associata ai personaggi della pièce teatrale di William Shakespeare "Romeo e Giulietta".

La tomba di Giulietta nel monastero dei Cappuccini fu menzionata per la prima volta in un romanzo di Luigi da Porto del 1524.

Dopo la comparsa di questa novella, iniziò un pellegrinaggio al sarcofago senza nome e, per fermarlo, le autorità spirituali nel 1548 adattarono il sarcofago ad una cisterna per l'acqua.

L'interesse per la tomba riprese all'inizio dell'Ottocento con la pubblicazione del romanzo di Germaine de Steel, Corinna, o Italia, nel 1807.

I frammenti del sarcofago sono stati scheggiati per creare gioielli, come nel caso di Maria Luisa d'Austria e di molti altri, che hanno danneggiato in modo significativo la tomba. Nel 1868 il sarcofago fu spostato dal giardino al muro della vecchia chiesa e sopra di esso fu eretto un portico con archi. Nel 1898 il sarcofago era circondato da frammenti di antiche lapidi e colonne. Nel 1910 un busto di marmo di Shakespeare fu eretto vicino al portico del giardino.

Dopo l'uscita nel 1936 del film "Romeo e Giulietta" di George Coucor, il sarcofago fu spostato nella cripta della chiesa, creandovi le sembianze della cripta di Romeo e Giulietta. Apparve una cassetta postale per le lettere a Giulietta a cui rispose l'iniziatore del trasferimento del sarcofago, Ettore Solimani, curatore del complesso conventuale di San Francesco.

Nel 1970 è stato creato un museo di affreschi negli edifici del monastero, che sono stati spostati da vari edifici della città, la cripta con il sarcofago è diventata uno degli oggetti del museo.

Show more
0
18
https://avalanches.com/it/verona_le_vittime_dei_truffatori_di_livorno_sono_stati_i_veronesi313646_22_05_2020

Le vittime dei truffatori di Livorno sono stati i veronesi.


A Livorno è stata arrestata una banda di truffatori, coinvolta in frodi immobiliari e finanziarie, le cui vittime sono i veronesi.

Secondo "Livorno Oggi" i finanzieri hanno arrestato 10 sospetti, e oggi ne sono stati arrestati quattro; due di loro sono finiti in carcere, mentre altri due sono andati agli arresti domiciliari. Mentre per il quinto complice, il notaio, l'attività professionale è stata sospesa per otto mesi. Le vittime avevano 53 anni, e sono state le loro lamentele a scatenare il lavoro della Guardia di Finanza".

I truffatori si rappresentavano come acquirenti o intermediari stranieri per la vendita e l'acquisto all'estero. Oggetti che rappresentavano l'attenzione dei banditi, come immobili, alberghi, case. Titoli, oggetti d'antiquariato, gioielli. Hanno offerto i loro servizi per aiutare a trovare compratori o venditori, per fare da intermediari alle aste di titoli.

Lo schema dei truffatori è stato a lungo un successo. Hanno negoziato tra le due parti, ma non appena il denaro è arrivato sul conto della Banca, i truffatori sono diventati indisponibili. In alcuni casi, i banditi hanno acquistato gioielli dalle vittime, pagando con assegni falsi.

Diverse frodi sono costate alle vittime 150 milioni di euro. I gangster tenevano tutto il denaro nelle banche degli Emirati Arabi Uniti.

Oltre agli arresti, i finanzieri hanno anche confiscato auto di lusso per un valore complessivo di 260 mila euro e confiscato una casa per un valore di circa 3 milioni di euro.

Show more
0
16
https://avalanches.com/it/verona_la_famosa_casa_di_giulietta307643_21_05_2020

La famosa casa di Giulietta.


Verona è famosa per i suoi numerosi monumenti architettonici. Tra questi monumenti c'è la Casa di Giulietta, citata nell'opera di Shakespeare di Romeo e Giulietta.

Casa costruita nel XIII secolo in via Capello. Qui, secondo la leggendaria tragedia di Shakespeare, vissero la giovane Giulietta Capuletti e la sua famiglia, anche se in realtà apparteneva alla famiglia Dal Cappello (un possibile prototipo della famiglia Capuletti).

Nel 1997 è stato aperto in casa un museo dedicato all'opera di Shakespeare.

La statua in bronzo di Giulietta di Nereo Costantini (1972) è particolarmente apprezzata dai turisti, il cui tocco sul seno destro è considerato un buon esempio per gli innamorati. A causa del frequente tocco, la statua è stata spazzata via entro il 2014, si è formata una crepa sul "felice" seno destro, e il braccio destro si è fratturato. Di conseguenza, la città ha deciso di mettere la statua in un museo e di metterne una copia nel cortile della casa di Giulietta...

Questo luogo romantico è costantemente inondato di turisti, gli amanti di tutto il mondo cercano di catturare il bacio sotto il balcone di Giulietta. I turisti lasciano anche appunti con dichiarazioni d'amore sulle pareti della casa. Poiché la gomma da masticare è stata usata principalmente come colla, nel 2012 l'amministrazione comunale ha introdotto delle multe per tali azioni e fato delle speciali caselle di posta per i messaggi.

Show more
0
23
https://avalanches.com/it/verona_un_trucco_geniale_con_la_droga307552_21_05_2020

Un trucco è geniale con la droga.


La pattuglia del'Arma stava effettuando un servizio di pattuglia di routine quando ha notato una macchina che si dirigeva verso Lugagnano ad alta velocità. I carabinieri decisero di seguire l'auto, arrivata nel paese di Sona, l'autista, entrò nella casa accanto. L'esercito riconobbe quest'uomo, in quanto era una persona nota alla polizia per i suoi precedenti crimini. Un marocchino nato nel 1976.

I carabinieri hanno deciso di procedere con la perquisizione della casa, che all'inizio sembrava aver avuto risultati negativi. L'uomo continuava a sembrare calmo, sostenendo di non avere nulla di strano in casa, ma la meticolosità dei militari gli avrebbe permesso di trovare quello che cercava. C'è una bella scatola di droga mascherata sotto la sedia. Il colpevole ha appeso la scatola sotto la sedia alla corda. Quando i carabinieri hanno aperto la scatola, c'erano più di 450 grammi di cocaina pura. Il farmaco è stato diviso in 20 dosi con il peso specificato sulla scatola, e una bilancia elettronica è stata trovata probabilmente per la pesatura dei droga.

Un altro colpo alla distribuzione illegale di droga è stato inferto dalla polizia di San Massimo a Verona. Lo spacciatore è stato arrestato e inviato in caserma, dove è in attesa di giudizio.

Show more
0
13
https://avalanches.com/it/verona_nuove_regole_e_spiegazioni_per_il_trasporto_pubblico299485_20_05_2020

Nuove regole e spiegazioni per il trasporto pubblico.


In relazione al proseguimento della seconda fase della situazione di emergenza, il Comune di Verona ha chiarito il problema del trasporto e della capacità di trasporto dei passeggeri sui mezzi pubblici.

Il Presidente della Regione Veneto ha elaborato delle regole per il trasporto e la capacità di trasporto dei passeggeri sui mezzi pubblici che richiedono ulteriori chiarimenti.

La procedura per la presidenza era urgente per eliminare e localizzare COVID19. Sono state introdotte regole per il trasporto e le compensazioni dei passeggeri sui mezzi pubblici.

I passeggeri dei mezzi pubblici devono indossare solo una maschera con una distanza di almeno un metro l'uno dall'altro. In questo caso i sedili situati faccia a faccia non devono essere usati. Per raggiungere questa distanza è stato proposto l'uso verticale dei sedili. La capacità approvata del trasporto pubblico non deve superare il 50% della capacità di trasporto passeggeri approvata.

Per evitare il sovraffollamento dei mezzi pubblici nelle ore di punta e negli intervalli di tempo, il Comune di Verona offre taxi e altri mezzi di trasporto in città.

Show more
0
11
https://avalanches.com/it/verona__verona_lanfiteatro_aprir_il_festival_2021292158_19_05_2020

Verona. L'Anfiteatro aprirà il Festival 2021.


Il Maestro Riccardo Muti "Aida" Giuseppe Verdi in forma di concerto aprirà il festival "Arena di Verona 2021".

Dedicato al 150° anniversario della prima rappresentazione teatrale di Aida Giuseppe Verdi al Teatro dell'Opera del Cairo nel XVIII secolo.

Verona è costretta a rinunciare ai grandi spettacoli all'aperto a causa della pandemia. L'Arena di Verona nel 2021 ha grandi progetti per concerti e spettacoli e spera nella fine della pandemia.

L'anfiteatro, nel segno della grande tradizione dedicata al compositore Giuseppe Verdi nel 2021, aprirà le porte della stagione alla celebre Aida, già divenuta simbolo dell'apertura della stagione teatrale veronese.

Al concerto dedicato al Festival Arena Verona2021 parteciperanno, oltre al maestro e compositore Muti, anche altri grandi interpreti della musica lirica e del canto.

41 anni fa, il maestro Ricardo Muti ha frequentato solo una volta l'Anfiteatro di Verona, in una rara e indimenticabile produzione del Requiem della Messa di Giuseppe Verdi, il modo più maestoso per dare la preferenza a questa creazione, nel 120° anniversario della morte di Giuseppe Verdi. Dedicato a due serate che saranno indimenticabili per l'Arena di Verona e il suo pubblico.

È in corso un'entusiasmante preparazione per il grande evento. Tutti i settori dell'organizzazione sono stati toccati. Aspettiamo un nuovo anno teatrale.

Show more
0
12
https://avalanches.com/it/verona_in_veneto_bisogna_indossare_una_maschera_in_spiaggia_uno_scherzo_da_p291899_18_05_2020

In Veneto bisogna indossare una maschera in spiaggia. Uno scherzo da piangere.


Oggi, 18 maggio, è entrato in vigore il numero 48, firmato dal presidente veneto Luca Zaia.

Oggi è lunedì 18 maggio, prevede che tutti coloro che escono di casa debbano indossare una maschera.

La gente del Veneto è perplessa e c'è una domanda difficile: se vado in spiaggia, al mare o al lago, in un posto del Veneto, mentre prendo il sole, devo indossare una maschera facciale? Ci aspettiamo subito che la risposta sia: sì, bisogna indossare la maschera", anche se la spiegazione non è semplice.

Sembra che la distanza non abbia alcun effetto. Se una persona si trova su una sedia a sdraio a due metri di distanza, una regola come il mantenimento di una distanza sociale non dà diritto a una persona di trovarsi in un luogo isolato senza maschera facciale. Si scopre, che la maschera dovrebbe essere sempre sul viso di una persona da sola o in compagnia di persone. E se si hai un quadrato della maschera sul tuo viso, questo simbolo vi darà solo la sessualità, secondo il presidente.

L'unica speranza rimasta è che questa clausola sia valida solo fino al 2 giugno.

Show more
0
22
https://avalanches.com/it/verona_arena_di_verona277721_16_05_2020
https://avalanches.com/it/verona_arena_di_verona277721_16_05_2020
https://avalanches.com/it/verona_arena_di_verona277721_16_05_2020

Arena di Verona.


Durante il regno dell'imperatore Tiberio Giulio Augusto fu costruito a Verona un anfiteatro. Il suo scopo principale è quello di organizzare spettacolari battaglie di gladiatori.

All'inizio del XII secolo, un forte terremoto che si verificò nel nord-est dell'Italia, causò danni tangibili all'antico palazzo. L'anello esterno del teatro, crollato, è stato utilizzato dai residenti locali come fonte di materiali da costruzione gratuiti. Nel Medioevo l'Italia era governata dall'Inquisizione. I duri giudici hanno usato le rovine fatiscenti come luogo per giustiziare pubblicamente i dissidenti. Qualche secolo dopo, Verona ha cambiato l'umore del lutto in uno più leggero. L'antica arena era piena di spettacolari battaglie di valorosi cavalieri e di affollati festeggiamenti. Tra la fine del XVIII e l'inizio del XIX secolo, l'Italia ha ripreso la moda della corrida, che spesso si svolgeva nell'anfiteatro.

Nel 1913 il tenore lirico Giovanni Zenatello e l'impresario teatrale Otton Rovato investono a proprio rischio e pericolo in un antico edificio. Gli italiani coraggiosi sono riusciti a preparare e ha tenere un festival dedicato al centenario del compositore Giuseppe Verdi.

L'arena ha un'acustica incredibile, che permette agli spettatori di godersi gli spettacoli anche nelle file più remote. Il grande palcoscenico, che ospita le scenografie più insolite e impressionanti.

Oggi l'Arena è una celebrità di Verona e dell'Italia. I più famosi cantanti lirici del mondo hanno cantato sul palco.

Show more
0
19
https://avalanches.com/it/verona_a_verona_iniziata_la_disinfezione_dei_luoghi_pubblici271352_15_05_2020
https://avalanches.com/it/verona_a_verona_iniziata_la_disinfezione_dei_luoghi_pubblici271352_15_05_2020

A Verona è iniziata la disinfezione dei luoghi pubblici.


Ieri a Verona è iniziata la disinfezione dei luoghi pubblici. Tutta la mattina Comando delle Forze Operative Terrestri di Supporto disinfettati degli spazi esterni della Basilica di Santa Anastasia, della Chiesa di S. Fermo e della Basilica di S. Zeno. È stata utilizzata di attraverso la nebulizzazione di una soluzione detergente igienizzante attiva sul virus, completando così l'opera di sanificazione delle parrocchie storiche del circuito "chiese Vive di Verona", iniziata martedì scorso.

Nel pomeriggio, gli esperti militari hanno iniziato il secondo turno. Hanno disinfettato gli uffici del comune e dell'area circostante. Grazie all'aiuto di spruzzatori a bassa pressione, la capacità di spruzzare d'ipoclorito di sodio.

Ci sono più di 70 posti in aspettano di disinfezione, uffici, servizi igienici pubblici, sale d'attesa, aree comuni. Il numero di utenti dovrebbe aumentare in questi giorni.

In questo momento difficile per il nostro Paese, è importante osservare la sicurezza dei cittadini e dei lavoratori comun

Show more
0
16
https://avalanches.com/it/verona_regole_per_parrucchieri_ed_esteti262325_14_05_2020

Regole per parrucchieri ed esteti.


Tutti aspettano con grande pazienza il 18 maggio. In questa giornata si aprirà una delle principali istituzioni nella vita dell'umanità parrucchieri ed estetisti. Probabilmente non è estraneo alle donne e agli uomini farsi belli. I preparativi per l'apertura dei saloni di parrucchieri sono già in corso, anche se mancano ancora quattro giorni al giorno delle visite dei clienti. I clienti scelgono il giorno del servizio e dell'evento in anticipo, e questo è molto importante per entrambe le parti. Non c'è bisogno di perdere tempo in attesa, e il maestro può pianificare il numero di clienti.

La cosa più importante nell'apertura dei parrucchieri e degli estetisti è ricordare che la pandemia non è finita e bisogna seguire le regole di sicurezza, anche se non tutti sono soddisfatti. Prima di tutto, è necessario osservare la distanza tra i luoghi di lavoro. Inoltre, non è un fattore insignificante - si tratta di maschere. Le maschere facciali devono essere indossate dal personale di servizio e dal cliente. La stanza deve essere disinfettata ogni tre ore. Il personale deve essere sempre alle spalle del cliente durante il lavoro.

Per tagliare la barba o radersi, il personale deve avere una visiera sul viso che protegga dal virus.

Show more
0
7
https://avalanches.com/it/verona_le_accuse_infondate_di_federfarma262149_14_05_2020

Le accuse infondate di Federfarma.


Qualche giorno fa, il commissario per l'emergenza Domenico Arcuri ha annunciato in TV che le farmacie del Paese hanno in vendita maschere chirurgiche a 50 centesimi più IVA e che tutti i cittadini possono comprarle.

Questa mattina, le farmacie sono state attaccate da cittadini che le accusavano di furto e speculazione durante la pandemia.

Il presidente di Federfarma Verona, Elena Veccioni, ha espresso forte preoccupazione per l'indignazione della popolazione. "Noi farmacisti siamo sempre stati dalla parte della popolazione, fornendo maschere durante la pandemia, anche se non era possibile. Le aziende italiane non possono ancora produrre maschere legalmente. Per tutto il tempo incontrano ostacoli per ottenere un certificato. Ora le farmacie lavorano solo con rappresentanti illegali che speculano sulle pandemie. Le farmacie non sono responsabili di questa situazione. Solo le amministrazioni statali sono responsabili di garantire i prezzi statali per i dispositivi di protezione. Sono molto spiacevole che la popolazione veda nei farmacisti i propri nemici e speculatori su tutti i problemi comuni. Credo che lo Stato e la popolazione dovrebbe rispettare i dipendenti delle farmacie. Abbiamo fatto ogni sforzo per fornire guanti, maschere e alcool per la disinfezione. Anche se il Commissario per l'emergenza ha confermato che Federfarma non è responsabile, noi soffriamo ancora delle accuse.

Show more
0
21
https://avalanches.com/it/verona_nuova_tecnologia_della_polizia_di_stato_un_caso_di_19_anni_fa_stato251939_13_05_2020

Nuova tecnologia della polizia di stato, un caso di 19 anni fa è stato risolto.


A Roma, il 12 maggio, è stato arrestato perché sospettato dell'omicidio del rumeno Lukanu.

Nel 2001, a Verona in via Nicola Mazza in zona Veronetta. C'è stato un omicidio aggravato di Antonio Sciezaro. Oltre 70 pugnalate con le forbici.

L'indagine non è riuscita a trovare l'assassino, ma la base del DNA dell'assassino è stata creata dalle prove.

Nel 2009 è stata creata la UDI, la Divisione Crimini Insoliti. Composto da personale operativo e polizia scientifica, proprio per coordinare le indagini nei cosiddetti "casi freddi".

Nel 2015, un altro caso si è verificato in Romania, dove gli è stato prelevato il DNA. Gli agenti di polizia hanno ora confrontato il DNA dell'autore del 2001 con quello di Lucano. Tutti i dati sono stati confrontati.

Il rumeno Ion Lucano è stato arrestato ed è in carcere a Roma fino a quando l'intero omicidio non sarà indagato e ricostruito.

Show more
0
21

Fuga di orso da un condominio.


La sera, uno degli abitanti della casa, registrato su video, un caso molto curioso. Come un orso adolescente che si arrampica dal balcone e corre lungo la strada. Questo interessante caso si è svolto in Val d'Adige. Il video è stato girato a Calliano, in Trentino. Il sindaco della Val d'Adige ha confermato il caso. Anche se nessuno sa come l'orso sia finito nell'appartamento.

Show more
0
11
https://avalanches.com/it/verona_coronavirus_solo_due_tamponi_sono_positivi_a_verona_e_in_provincia241469_11_05_2020

Coronavirus. Solo due tamponi sono positivi a Verona e in provincia.


Oggi in 24 ore sono registrati a Verona e in provincia solo due tamponi positivi. Il virus sta rallentando il suo corso. Ci sono sempre meno risultati positivi ogni giorno, il che fa sperare in una prossima fine della pandemia.

Oggi i reparti di terapia intensiva della città di Verona sono 108, ovvero -3 pazienti in meno rispetto alle ultime 24 ore. Ci sono 911 pazienti ricoverati nelle cliniche della città. La condizione è stabile, nessun pericolo per la vita, che è 56 in meno d'ieri. 1.040 persone sono in quarantena in casa. Non sono stati segnalati decessi negli ospedali.

Questi dati sono stati pubblicati da un bollettino nelle ultime 24 ore.

Due ospedali a Verona con reparti di terapia intensiva, in preparazione alla chiusura, per il momento. Fino alla fine della pandemia, i reparti di terapia intensiva non saranno sciolti.

Show more
0
22
https://avalanches.com/it/verona_il_virus_ha_perso_la_sua_potenza_i_punti_di_vista_di_virologi_ed_espe231345_10_05_2020


Il virus ha perso la sua potenza? I punti di vista di virologi ed esperti si sono discostati.


Durante il dibattito, c'è stata una divisione tra gli scienziati sul virus. È vero che il virus è diventato meno aggressivo a causa delle precauzioni volte a combattere? Le opinioni divergono tra gli scienziati.

Molti virologi ritengono che il virus abbia perso il suo potere, ed è per questo che le ultime indicazioni dei pazienti infetti sono cambiate drasticamente.

Gli specialisti in malattie infettive ritengono che il virus possa essere più o meno aggressivo in modo naturale. La storia della virologia ha indagato su molti virus, tra cui il virus dell'influenza, che era molto aggressivo nelle prime fasi dell'infezione. Speriamo che il coronavirus in 2-3 anni sia aggressivo quanto un'influenza comune o un sidro più leggero.

Un'altra opinione dei virologi è che KOVID ha colpito gli oggetti più deboli, più fragili, e quelli più forti hanno sviluppato l'immunità.

Altri virologi sono più pessimisti e ritengono che la situazione sia cambiata in meglio, solo perché la popolazione anziana, ormai chiusa in casa, non ha contatti con un gruppo più ampio di persone. Il virus non ha cambiato la sua aggressività, aspetta un'occasione per recuperare le forze.

Non ci sono prove scientifiche che il virus abbia cambiato la sua virulenza.


Show more
0
15
https://avalanches.com/it/verona_moto_incidente_sul_tratto_di_strada_provinciale_numero_17220122_09_05_2020

foto Facebook

Moto incidente sul tratto di strada provinciale numero 17.


Un giovane ragazzo di 27 anni, Sebastiano Zandone, guidava la sua BMW GS sulla strada provinciale, situata nel comune di Monteforte d'Alpone e attraverso Aroldi. Probabilmente stava tornando a casa dal suo lavoro di cuoco. Si è scontrato con la Nissan Cabstar durante la guida. Ha seguito della collisione Sebastiano volò e cadde con la sua moto sulla corsia opposta, dove in questo momento passava la Volkswagen Passat. L'autista dell'auto è una giovane donna, che non poteva fare nulla per la ventisettenne. È arrivata un'ambulanza ed è arrivato un elicottero, ma purtroppo il giovane è morto sul posto. Due autisti non sono stati feriti, ma ciò che è stato portato via è stato un grande shock.

L'indagine è condotta dai Carabinieri di Verona.

Sebastiano Zandone ha 27 anni. Laureato all'istituto alberghiero Angelo Berti, si è subito messo al lavoro nella sua specialità. Poche settimane con la sua campagna si è trasferito a Montecchia di Crossara da Westenova.

Show more
0
20
Other News Italy