Firenze, Toscana, Italia previsioni del tempo

FAIR_INFORMER
OTHER_NEWS Florence

Conclusa la maratona fiorentina per i Diritti Umani: “grande successo di pubblico”


Dopo quattro giorni, la mostra “Oltre il Manicomio - Psichiatria e Diritti Umani” organizzata a Firenze dal Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani e patrocinata dal Comune di Firenze, ha chiuso i battenti. La mostra è stata visitata da quasi 800 persone, cui si aggiungono le migliaia di cittadini e turisti informati nel corso della marcia di protesta tenuta sabato scorso.

Gli organizzatori sono soddisfatti dei risultati: “Abbiamo trovato tanti messaggi di ringraziamento e incoraggiamento sul libro dei visitatori, lasciati da parte di persone ignare degli abusi legati al passato e al presente della psichiatria. Molti ci hanno chiesto di portare la mostra nella loro città, mentre nel corso della marcia di protesta per le vie del centro fiorentino abbiamo incontrato parecchia gente che ci sorrideva e ci mostrava il pollice all’insù.”

Lunedì sera, a poche ore dalla chiusura, si è tenuto l’ultimo dei numerosi eventi culturali organizzati nell’ambito della mostra. Il dottor Roberto Cestari, medico milanese e presidente onorario del CCDU, che durante la prima metà degli anni novanta condusse una ventina di ispezioni a sorpresa nei cosiddetti residui manicomiali, ha presentato il suo ultimo libro, significativamente intitolato “Oltre il manicomio”, ricco di foto e testimonianze raccolte durante quelle ispezioni.

Secondo Cestari “In Italia circola una leggenda metropolitana secondo cui Franco Basaglia nel 1978 avrebbe scritto una legge di riforma, dandoci la psichiatria migliore del mondo. In realtà Basaglia era contrario alle cure forzose e temeva che il semplice trasferimento delle competenze dai manicomi ai reparti ospedalieri sarebbe sfociata nel semplice ripetersi dello stesso modello, fatto di coercizione, in un luogo diverso: la legge fu un semplice escamotage per schivare il referendum radicale che avrebbe chiuso i manicomi. Per questo - prosegue Cestari - è necessario cambiare registro, e implementare le linee guida dell’Alto Commissario ONU per i Diritti Umani, che chiedono il superamento della psichiatria coercitiva e l’adozione di pratiche rispettose dei diritti umani, realizzando il sogno di Basaglia.”

“Il manicomio non è solo un edificio, è un criterio. È un luogo in cui le persone vengono portate contro la loro volontà per via del loro pensiero. Fintanto che lo Stato si potrà permettere di sequestrare un cittadino per il suo pensiero, i manicomi saranno ovunque.”

Giorgio Antonucci, medico fiorentino che spalancò le porte del manicomio di Imola.

Il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani (CCDU odv ) è un’organizzazione di volontariato per la tutela dei diritti umani in ambito salute mentale: www.ccdu.org – www.facebook.com/ccdu.org


SHOW_MORE
0
4

Mostra “Psichiatria e Diritti Umani: passato, presente e possibile futuro”

Il Comitato dei Cittadini per i Diritti Umani ODV, un’Organizzazione di Volontariato a vigilanza e difesa dei Diritti Umani nel campo della Salute Mentale è lieto di annunciare il ritorno della mostra del CCDU “Psichiatria e Diritti Umani: passato, presente e possibile futuro” nella storica sede dell’Auditorium del Duomo dal 5 al 9 aprile.

Nonostante la riforma, più formale che sostanziale, gli orrori psichiatrici del passato persistono nel presente perché, come previsto dallo stesso Franco Basaglia, il trasferimento delle competenze agli ospedali non ha cambiato l’approccio manicomiale fatto di trattamenti coatti, minacce, contenzione, sbarre, sedazione profonda e privazione dei più fondamentali diritti.

Per questo, il titolo scelto quest’anno dagli organizzatori evidenzia la continuità sostanziale tra passato e presente, auspicando al tempo stesso un futuro in cui il sogno di Basaglia e le linee guida dell’Alto Commissario ONU per i Diritti Umani e dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, possano infine diventare realtà.

La mostra, patrocinata dal Comune di Firenze, è costituita da pannelli e filmati che documentano la storia e il presente della psichiatria, in netto contrasto con le raccomandazioni delle autorità internazionali.

Quest’anno la Mostra si arricchisce di una rassegna fotografica in 15 totem che mostrano, attraverso una selezione di foto storiche d’archivio del CCDU, com’era la situazione dei manicomi italiani nei primi anni ’90, quasi 15 anni dopo la chiusura ufficiale dei manicomi voluta con la legge Basaglia. Verrà inoltre arricchita dalla presentazione di due libri a cura dei rispettivi autori: “Patogenesi Psichiatrica” del Dott. Giulio Murero e “Oltre il Manicomio” del Dott. Roberto Cestari.

SHOW_MORE
0
3

Il Fentanyl sta arrivando, il governo italiano discute sulla strategia di prevenzione

Negli USA è morta più gente di Fentanyl nel 2021 che a causa delle guerre del Vietnam, Iraq e Afganistan messe insieme, è urgente arginare la sua diffusione in Europa.

Non ci sono mezzi termini, il Fentanyl (droga 100 volte più potente dell’eroina) compie stragi quotidiane negli USA da anni. Questo si misura in termini di decine di migliaia di morti: nel solo 2021 i morti per Fentanyl negli USA sono stati circa 70.000 (fonte CDC, USA).

La diffusione del Fentanyl in Europa causerebbe alle nostre società un costo in termini di vite umane (giovani, per lo più) superiore a quello di qualsiasi terremoto, alluvione, strage terroristica o persino guerra. Si tratta quindi di individuare una strategia efficace, rapidamente efficace, non tanto per evitare che il Fentanyl materialmente arrivi (è già presente in Europa) quanto per informare e sensibilizzare i giovani sul pericolo di questa terribile sostanza.

La pandemia ha segnato un forte aumento della tossicodipendenza in generale, nel 2019 i morti per Fentanyl erano stati meno di 40.000.

A marzo 2024 il Presidente del Consiglio Giorgia Meloni ha dichiarato: “Al momento, in Italia non c’è una vera e propria emergenza, ma l’intento è di alzare, per tempo, un muro, per evitare un grave pericolo per i nostri giovani. Il Fentanyl è un analgesico molto potente che può avere effetti devastanti su chi lo assume per scopi diversi da quelli sanitari. Sono sufficienti, infatti, appena 2 milligrammi della sostanza per uccidere una persona”.

Ci auguriamo che il governo faccia seguito a queste parole con azioni massicce e incisive. Nel frattempo, il mondo del volontariato non sta fermo e fa la sua parte.

“Mondo Libero dalla Droga Italia” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga, l’alcool e l’abuso di farmaci non costituiscano più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga o si abusi di alcool. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo.

Le attività di Mondo Libero dalla Droga consistono anche nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

Per maggiori informazioni, www.noalladroga.it

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Mondo libero dalla Droga Italia” fin dalla sua fondazione: la lotta all’abuso di sostanze stupefacenti è una delle principali campagne sociali della Chiesa. Il fondatore di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.”

Giovanni Trambusti

“Mondo Libero dalla Droga Italia”

www.noalladroga.it


SHOW_MORE
0
5
OTHER_NEWS Italy

Parlare della droga a scuola può salvare le vite dei ragazzi

La scuola è il luogo migliore per una efficace prevenzione all’abuso di droga, specialmente durante gli anni della scula media

Nessun ragazzino di 10 anni risponderebbe “sì” alla domanda: “Sarai un drogato” da grande?

E allora come mai così tanti di questi ragazzi, pochi anni dopo, diventano dipendenti da alcool, marijuana, ecstasy, cocaina, ecc.? Cosa succede durante gli anni critici dell’adolescenza che fa loro cambiare idea sulle droghe?

E fuori di dubbio chei ragazzi ricevono costantemente messaggi che promuovono l’uso di droga: cantanti rap e trap che la esibiscono nei video e che la glorificano nei testi della canzoni, serie TV che mostrano l’uso di droga senza evidenziarne le conseguenze negative, siti web specializzati nella diffusione di dati (falsi) sugli effetti positivi delle droghe, amici più grandi che li incitano a provare.

Come contrastare efficacemente tutte queste influenze negative? L’unico modo per combattare le bugie è ristabilire una solida verità. Chi va nelle scuole a parlare di droga e delle sue conseguenze sulla salute, sa che sta salvando le vite di innumerevoli ragazzi.

“Mondo Libero dalla Droga Italia” è un’associazione internazionale che si batte per ottenere una società nel quale la droga, l’alcool e l’abuso di farmaci non costituiscano più una piaga sociale. I volontari dell’associazione credono che un giovane informato sui pericoli degli stupefacenti possa decidere, pensando con la propria testa, di stare alla larga da qualsiasi ambiente dove si faccia uso di droga o si abusi di alcool. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo.

Le attività di Mondo Libero dalla Droga consistono anche nell’andare nelle scuole e raccontare ai ragazzi la verità sulla droga: lezioni di due ore che includono video, dati scientifici, dati statistici e testimonianze. Un ragazzo informato sulla droga molto difficilmente ne diverrà schiavo. Anche da adulto, si rifiuterà di diventare un tossicodipendente di sostanze legali o illegali.

Per maggiori informazioni, www.noalladroga.it

La Chiesa di Scientology sostiene la campagna di “Mondo libero dalla Droga Italia” fin dalla sua fondazione: la lotta all’abuso di sostanze stupefacenti è una delle principali campagne sociali della Chiesa. Il fondatore di Scientology, L. Ron Hubbard, ha affermato: “L'arma più efficace nella guerra contro la droga è l'educazione.”

Giovanni Trambusti

“Mondo Libero dalla Droga Italia”

www.noalladroga.it


SHOW_MORE
0
14
https://avalanches.com/it/florence_i_volontari_di_scientology_continuano_a_riordinare_le_aree_di_lampugn6714597_01_03_2023
https://avalanches.com/it/florence_i_volontari_di_scientology_continuano_a_riordinare_le_aree_di_lampugn6714597_01_03_2023

I volontari di Scientology continuano a riordinare le aree di Lampugnano e Lambrate

L'ambiente è dove ci incontriamo

Sabato 25 febbraio, come ormai da 8 mesi a questa parte, i volontari della Chiesa di Scientology si sono ritrovati alle stazioni di Lampugnano e Lambrate per continuare l'opera di riordino e pulizia delle relative aree.

Agli interventi di sabato scorso hanno partecipato anche alcuni cittadini che si sono spontaneamente uniti ai due gruppi per dare il loro contributo.

Come sempre, le loro attività hanno ricevuto il plauso dei passanti e il sostegno dei commercianti delle rispettive aree, ma quello che più conta è il messaggio che è stato dato a coloro che frequentano le due stazioni perché nulla è più efficace del buon esempio.

Ciò è stato dimostrato anche sabato mattina, quando i passanti, vedendo ciò che i volontari stavano facendo, invece di buttare per terra carte o altro, le riponevano nei sacchi della spazzatura che i volontari stavano riempiendo.

Anche questo è un modo per prendersi cura dell'ambiente, insegnando senza salire in cattedra, perché l'ambiente è dove viviamo, dove ci incontriamo.

Ognuno può fare la propria parte, così come ci ricorda il filosofo e scrittore L. Ron Hubbard nel libro “La Via della Felicità”:

“La cura del pianeta comincia con il cortile di casa tua. Si estende alla zona che si percorre per andare a scuola o al lavoro. […] Ci sono molte cose che le persone possono fare per aiutare a prendersi cura del pianeta. Si inizia con l'impegno personale. Si prosegue suggerendo agli altri di fare altrettanto.”

Sabato prossimo gli appuntamenti saranno tre: alla stazione MM1 di Lampugnano, alle 9:30; alla stazione MM1 Molino Dorino, alle 10 e alla stazione di Lambrate, alle 10.

SHOW_MORE
0
101